La Parola della Domenica... XXVIII DEL TEMPO ORDINARIO (Anno C)

 .............A cura di don Nicola Caputo

Carissimi Amici, tra i lebbrosi che Gesù guarisce c’è un Samaritano, il solo “straniero” del gruppo che è andato incontro a Gesù per supplicarlo. Ed è anche il solo a ritornare sui suoi passi per rendergli grazie. Il suo gesto di prostrarsi ai piedi di Gesù, significava totale fiducia e abbandono in Lui. È l’unico che fa esperienza della fede, dono di Cristo, portatrice di salvezza. “E gli altri nove, dove sono?”. Gli altri nove si erano presentati ai sacerdoti, dando così prova di una fede appena nata. Ma non sono ritornati verso Gesù, la sola via per arrivare al Padre mediatore indispensabile per la glorificazione di Dio. La misericordia di Gesù verso colui che non possiede altro che la sua povertà e il suo peccato, ma che si volge verso il Signore per trovare il perdono e la riconciliazione, non è solo fonte di salvezza personale, ma anche di reintegrazione nella comunità di culto del popolo di Dio. Nella Chiesa, la fede di coloro che sono stati riscattati diventa azione di grazie al Padre per mezzo di nostro Signore Gesù Cristo. Carissimi, sentiamoci tutti “lebbrosi” e invochiamo la misericordia di Dio, e anche noi saremo salvati.

Santa domenica a tutti. 

         

   

 
Scarica il foglietto della Messa  >

  

Ascolta il Vangelo >    


  


        Clicca qui per la liturgia completa
  

  

    Clicca qui per aprire l'archivio de "La Parola Della Domenica"